Educazione Biocentrica PDF Stampa E-mail

 

L'Educazione Biocentrica è prima di tutto un modo diverso di concepire la crescita di un essere umano, un modo diverso di concepire la vita. L'Educazione Biocentrica parte da un nuovo paradigma delle scienze umane che è il Principio Biocentrico, il quale si ispira all'intuizione di un universo organizzato in funzione della vita, un sistema vivente di grande complessità.

 

L'immagine dell'uomo proposta dall'Educazione Biocentrica è quella dell'"Uomo Relazionale, dell'Uomo Ecologico, dell'Uomo Cosmico".

 

L'Educazione Biocentrica si orienta verso una cultura dell'Affettività, della Compassione e della Coscienza Etica, affinchè sia una cultura della Vita. La sua metodologia è la vivenzia, il fine ultimo la gioia di vivere e l'amore.

 

L'Educazione Biocentrica è l'educazione che parta dalla vita, fin dal momento del concepimento, quindi già nel ventre materno, con la disposizione di spoirito dei genitori, di protezione e cura amorevoli. Le attenzioni e le cure durante la gravidanza, la nascita e il primo anno di vita hanno una forza determinante nel futuro dell'essere umano. I concetti di Michel Odent, Frederic Leboyer, Arnold Gessel, Renè Spitz e Antonio Mercurio rappresentano un'apertura immensa per l'umanità sotto questo aspetto.

 

E' l'idea stessa di educazione che va rivoluzionata. L'educazione deve coltivare le funzioni che regolano il sistema vivente umano e permettono la sua evoluzione.

 

"Non insegnate ai bambini, semmai insegnategli la magia della vita, Stategli sempre vicino, la cosa importasnte è l'amore, il resto è niente". Anna

 

L'Educazione Biocentrica è una grandissima possibilità per restaurare i poteri di vita dell'uomo e iniziare una civilizzazione per la vita. Inoltre ristabilisce le funzioni originarie che permettono la conservazione e l'evoluzione della vita creando, fin dalla prima infanzia, spinte interne di vincolazione con la natura, comunione amorosa, compassione e coscienza etica.

 

La nostra vita merita di essere vissuta nelle migliori condizioni. Il fine dell'educazione dovrebbe quindi essere quello di imparare ad essere felici, che non è necessariamente raggiungere il successo, nè essere un vincitore. Il vero successo è essere felici nella vita, amare ed essere amati, stare in armonia e comunione con altre persone e scoprire la bellezza che è in noi e negli altri.

 

L'educazione dovrebbe creare le condizioni per esprimere i propri potenziali e dare al mondo una felicità straordinaria, il dono più grande che possiamo fare agli altri.

 

La scuola, di ogni ordine e grado, dovrebbe essere una fucina di vitalità, di creatività, di amore, di trascendenza e di infinito piacere di vivere, il tutto come accesso alla bellezza, all'armonia e alla gioia.

 

 

 

Testimonianze di allieve di un Istituto Magistrale che hanno lavorato con

Biodanza nella Scuola.

 

"Grazie per la serenità e la gioia di questi giorni, ci hai fatto riscoprire la vera vita!"   Laura II A

 

"Ho passato giorni bellissimi, ho riscoperto cose che avevo seppellito. Un bacio gioioso"  Carla III C

 

"Ho passato sei giorni stupendi. Una ragazza non molto importante che ora si sente più importante"

Elisa III A

 

 "Ho capito che nel nostro cuore c'è sempre un fiore che aspetta di sbocciare". Valentina IV C

 

"Ho sentito sicurezza, bontà, aiuto tra di noi, amore e gioia. Grazie!"  Cetty II A

 

"Grazie per avermi aiutato a combattere la timidezza e ad avere più coraggio"   Valeria I A

 

"Grazie di averci fatto divertire così tanto, come non ci succede mai nella scuola"   Emanuela III B

 

"Ci hai fatto sentire donne e tutte amiche. Grazie di cuore!"  Ada IV C

 

"E' stata un'esperienza importante; ho scoperto chi sono, ho trovato nuove amiche e ho imparato a conoscerle profondamente"  Carmen I E

 

"Sei entrata velocemente in me e hai colorato la mia esistenza"  Giovanna  II C

 

"Amo scrivere e amo cantare. Fino a sei giorni fa non volevo mai danzare, perchè sono sempre stata convinta di non saperlo fare. Adesso è diverso: l'ho fatto quasi senza pensarci e mi sono molto divertita. Grazie per l'opportunità che mi hai dato di stare meglio, di mettermi in mostra senza malizia, di sentirmi più sicura e più donna"   Dorotea III C

 

"Un bellissimo tramonto, il mare è calmo come il mio cuore da quando tu mi hai fatto vivere queste bellissime emozioni. Una barchetta a vela lontana, gli uccelli che volano nel cielo, un pianoforte che suona una bellissima melodia mentre io ballo sulla riva. Angelo dai capelli rossi, hai riscaldato il mio cielo per sei giorni e mi hai lasciato abbastanza calore per vivere serena con te nel cuore. Grazie, grazie di tutto!" Patrizia II C

 

"Mille volte grazie per l'amore che mi hai donato, per la serenità, la felicità, la gioia, la sicurezza, la grazia e la femminilità che mi hai fatto assaporare in questi giorni. Certamente da domani ricominceremo la nostra vita fatta di incertezze, paure, speranze...ma senza dubbio ci accorgeremo del piccolo cambiamento che in questi giorni abbiamo cercato di raggiungere. Spero che ci reincontreremo presto, ma se così non fosse nella realtà, lo sarà sicuramente nel mio cuore, dove conserverò la felicità di questo incontro"

Doriana III D

Condividilo adesso con i tuoi amici...

 

Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Immagini, filmati e qualsiasi altro contenuto in forma scritta o multimediale sono di esclusiva ed unica proprietà di Anna Maria Ciccia.