Poesie di allievi di Biodanza PDF Stampa E-mail

I Quattro Poteri 

Danzo, dal primo gemito all'ultimo respiro.
Mio Soffio Vitale spingimi verso luoghi lontani dentro me,
come le foglie dell' albero indicami il sentiero della serenità.

Terra preziosa accogli e custodisci i segreti di ogni tempo,
e dammi la forza di custodire la mia anima!

Oh mio Fuoco, che tu possa brillare con la forza e la Potenza dell' amore,
come l'infaticabile Sole scalda il mio cuore!

Che io possa trovare la mia essenza dolcemente e con determinazione,
come l' acqua che partendo dalla sorgente,
accarezza il colore dei petali profumati
fino a mescolarsi col blu profondo dell' Oceano.
(Valeria Privitera)







"L'allegria di mille carnevali

vorrei in questo giorno,

colori squillanti sulla pelle

e bagliori di suoni nell'aria

 

avanzo leggera

tra voli di coriandoli e di piume

con la coda iridescente

e l'anima palpitante

pronta per il miracolo della tua festa

 

funambolo dell'anima

fai la tua danza più bella

tra pulviscoli di stelle e code di comete

divieni una favilla

che arde di poesie e di sogni

 

io con un vestito di luce e di parole

e un diadema di nuvole

mi unisco alla tua danza

nella perfezione dell'UNO".

(Elena)

 

 

 

 

 

 

 

Dentro l'acqua immersa

verso il fuoco lontano

a metà tra l'acqua e il fuoco

sento la terra...

ne sento l'odore

odore che mi inebria a tal punto

da riuscire nuovamente

a farmi danzare nel vento...

a piedi nudi sulla terra

tra l'acqua e il fuoco...

io non sono mai sola.

(P.)

 

 

 

 

 

 

 

Guardami, apri il tuo cuore,

cerca la risposta

confondi il tuo sguardo al mio

sì che diventi un immenso oceano

dove tutto è compreso.

Oggi è l'occasione,

oggi è il momento,

oggi è l'istante

per comprendere che tutto è vita.

Danzami, danzati,

cosicchè ogni giorno rispecchi la luce

(L.)

 

 

 

 

 

 

 

Segmenti di luce bruna

stracciano un cielo di nubi

lampi di idee, tremule, informi,

intasano e confondono la mente.

Sussulti; vuoto; rabbia; paura...

 

Poi un'unica molecola, salata e dolce,

sbuca nell'ormai noto cammino

e scende, scivola, rotola,

lascia una guancia

cadendo su un cuore ferito...

 

Silenzio. Nulla.

La penna abbandona il foglio gualcito

che ha amato sin'ora.

Il bianco che resta è lungo una vita...

Aspetto domani per scrivere ancora...

(L.)

 

 

 

 

 

 

 

Acqua, ritorno alla grande madre,

all'umido tepore dell'utero materno,

accogliente e avvolgente.

Elemento in cui ritrovo la rassicurazione

e la serenità perduta.

Movimenti armoniosi e plastici,

senza fretta.

Tempo per riprendere il contatto

con il corpo

e con la profondità delle emozioni.

Forza nelle braccia e nelle gambe.

Tregua alla sofferenza

portata via dalla corrente.

Solitudine non più disperata

ma in attesa.

(E.)

 

 

 

 

 

 

Mesto, anzi timoroso

il fluir vitale,

tonalità minore

che par voglia rendere

più superbo il risveglio

che ancor s'attarda...

(E,)

 

 

 

 

 

 

Acqua e fuoco...

piango emozionata.

Attrazione e paura...

Un sasso piccolo: sono io!

Un cratere immenso: sei tu!

...e forse posso...

(M.)

 

 

 

 

 

 

 

 

Fluidità nell'eterno fluire,

appartenenza al tutto che mi contiene senza catene

consapevolezza del mio essere

in questa dimensione

così come in tutte le altre,

senza limiti,  senza barriere,

coscienza illimitata

parte della Coscienza Cosmica.....

.....eterno fluire.....

(Lorenzo) 

 

 

 

 

 

 

 

 

Acqua che scorre nelle mie vene,

che scioglie le mie catene.

Acqua trasparente come la mia anima

fa specchiare i miei sogni

e io, un veliero dorato,

li porterò alla riva.

(Doris)

 

 

 

 

 


 

 

Veloci scorrono i passi sulla sabbia!

Frettolosi conquistano la riva!

Destro, sinistro! Sinistro, destro!

Frettolosi, arsi, cercando l'acqua fresca e dolce,

luccicante di sensazioni e di vita!

Un tuffo, poi un altro e un altro ancora

fin quando il caldo furioso

diventa ricordo e il ricordo fantasia!

Cerca la riva

cerca il sollievo...

poni sulla tua strada di roccia o di sabbia

sempre un obiettivo di gioia e felicità!

come Albe dopo notti infinite!
(Davide)



 

 





Quando gli asini ragliano

Quando gli asini ragliano
un gruppo di uomini e donne si riuniscono…
Sono forti, veloci, coraggiosi
e belli…
Ognuno porta con sé la sua storia…
la consapevolezza della sua vita
e la responsabilità dei suoi poteri!

Quando gli asini ragliano
un gruppo di uomini e donne
iniziano a danzare
sul brutto del mondo,
sui problemi del quotidiano…
Nessuno di loro è perfetto:
c’è chi è piccolo, ma fa il grande,
chi è grande, ma vuol restare piccolo…
C’è chi ha lasciato la sua corazza
e chi dall’alto
come aquila in volo sorveglia tutti…

Quando gli asini ragliano
la musica si diffonde,
le gambe e i corpi si muovono armoniosi…
cercandosi e incontrandosi…

Quando gli asini ragliano
uomini e donne si danno il permesso
di semplicemente essere…
per condividere la vita...
né lamento, né bruttura
solo gioia e amore
che si diffondono…

Quando gli asini ragliano
il capitano chiama tutti…
E tutti sulla nave
qui e ora
scoprono la dolcezza di un vello
che hanno sempre avuto…
…la vita! (Davide)









Nascita


Favilla di fuoco del vulcano
attraverso spazi amplissimi
tempi infiniti

Sono un grumo di vita inconsapevole
sospesa in un liquido vischioso
mi copro di squame
nell'oceano che mi nutre

Protetta dall'oscuro manto della notte
mi trasformo in un'aspra pietra
striata di venature rossastre

Nel silenzio delle montagne
mi sfiorano le dita di uno sciamano.
Divento umana e
sotto il morbido sguardo della luna
con mani esitanti esplorio il mio corpo.
 
Poco lontano sulle dune sabbiose
sento la presenza delle donne
con morbidi fianchi e seni pesanti.
Il vento sfiora la mia pelle sudata
e gocce di umori segreti
mi impregnano l'anima
(Elena)









Come un giunco.

Come un giunco mi fletto,
al richiamo del mare.
Vibra ad ogni alito di vento questo piccolo corpo  mio
che maestoso come la montagna,
forte come l’acqua segue il fluire della vita.
Vita che dalla terra  mostra i suoi frutti,
dal fuoco il suo impeto,
dall’ acqua la sua potenza
dall’aria la sua onnipresenza.                                                   
Vita che non conosce morte ma  rinascita,
che non conosce  buio ma luce
che non conosce odio ma  amore.
                          Doris Antonella Calabrese









Capelli di seta

come riccioli di spuma di mare
increspati dal vento.

Foglie stanche
si adagiano lentamente
sul molle terreno odoroso
che le accoglie in un abbraccio lento.

Passi pesanti risuonano fragorosi
sul nero, lucido selciato
della lunga strada
dritta e senza fine.
(Grazia)









Ad Anna

Stella del mattino
luminosa nel rosa dell'alba.
Fuoco che scalda
luce che illumina
nel giorno che lentamente va al tramonto.

Stella della notte
compagna nel buio
e nella solitudine
ti amo
(Carmen)









A mia figlia

Prati luminosi
occhi sognanti
incanto dei sensi
stupenda creatura...
...sogno...vibrazione...
...danza...esplosione di luce...
...tremolio d'acqua...
...volo d'uccello...
La vita è più vita
perchè ci sei tu.
(Anna)









Ho danzato la vita

Tempo grigio, è l'inverno ...
è l'inverno, sì, anche della mia anima, stretta fra le braccia di Maya,
il cui velo non smette mai di offuscare la visione della realtà.
Perduto in questo oceano grigio e tempestoso,
ora desidera finalmente approdare ad altri lidi,
camminare libera su altre sponde,
trovare ristoro in acque limpide e cristalline,
respirare la Vita ...

La danza della Vita
“Sono caduto ... una, due, tre ... trecento volte,
trecento volte son tornato in piedi,
Madre Terra mi ha sorretto
il Cielo è stato la mia fonte di Luce,
l’Universo intero mi ha sostenuto,
gli Amici, sotto vesti umane o animali,
sono stati i miei compagni
di viaggio,
i miei Angeli, attenti custodi della mia stabilità,

spettatori della mia recita,
in una difficile parte sempre da protagonista ...

ora giullare, ora Don Chisciotte,
ora Guerriero della Luce,
ora belva ferita ma mai vinta,

in questo perenne fluttuare nella spirale della Vita.
Ho respirato il letame,
mi sono inebriato con intensi profumi d’incenso,

ho mandato giù il fiele,
ho gustato l’ambrosia,

... ho danzato la Vita”
(Lorenzo)





Oltre...

Andare oltre per nascere
oltre per vivere e crescere
oltre per vivere in coppia
oltre per donarsi e donare la vita.
Andare oltre il tempo
oltre lo spazio.
E ancora oltre...
Oltre, oltre, ancora oltre...
incontro alla propria anima,
incontro al proprio sogno.









 I tuoi occhi
 
Viaggiano
dentro di me
senza permesso
i tuoi occhi -
prendono vita
parti del mio corpo
che dimenticavo
inerti
fondendosi fra loro
e con la mia mente.
 
Viaggiano
dentro di me
con sicurezza
i tuoi occhi
senza badare
ai divieti d’accesso:
voragini intorno
e mulinelli,
uno scoglio il mio viso
sbiadito,
evaporato
sotto la scia di altri occhi.
 
Viaggiano                                             
dentro di me
come un rovo di spine
i tuoi occhi
lacerando le tele
di un sogno vecchio
ormai stanco -
come gocce di rugiada
su boccioli di rosa.
 
Viaggiano
dentro di me
come un filo di perle
i tuoi occhi
raccontando un’altra storia
un altro cuore -
che voglia che ho
di amare.
(Francesca)



   



 

Segmentario d'autunno 

Il viaggio tumultuoso?
Sì, pedalare in fuga e senza sosta,
le corse nei paesaggi, il vento contro,
l’incanto e le scoperte, i rari incontri:
avevano creato – lo credevo –
il mezzo riempimento dell’estate!
 
Sembra però ch’io abbia perseguito
Null’altro scopo che  ingannare il tempo
Per alla fine ritrovare questo:
musica dolce, persuasiva e ariosa
durante il lento moto segmentario
che mi concede – novità inattesa –
di nuova gioia disegnare il volto.
 
Un sassolino increspa – finalmente –
Lo specchio ristagnante d’acqua ferma,
Dal centro si allontanano le onde
Su superficie modellata a spire,
freschezza che ristora dall’arsura.
 
Non invitata e giunta da altra sponda,
profila un’ombra su quel sentimento,
bizzarra l’allegria che resta  addosso:
quella che provi quando scopri un vecchio
nell’atto indecoroso di giocare.
(Alessandro, allievo della Scuola di Roma)


            





Camminare, danzare
lo sguardo su per l'universo.
Sentire l'energia invadermi
proseguendo per strade luminose
colme d'amore.
(Sasà)






Danzo e sono la Vita

 Danzo e divengo Vitale

 Danzo e godo del Piacere dei miei Sensi

 Danzo ed esplorando libero la mia Creatività

 Danzo e nell'abbraccio tenero fra le carezze delicate dono e ricevo Affetto

 Danzo e la mia Identità spontaneamente si annulla per ritrovarmi collegata in quel luogo originario

 in cui Tutto è Uno e Trascendo

 Danzo e sono Terra per Nutrire e Radicarmi

 Danzo e sono Acqua per Fluire e dolcemente Accogliere

 Danzo e sono Fuoco per Scaldare e Trasformare

 Danzo e sono Aria per Liberare e Alleggerire

 Danzo e sono Etere per creare e lasciare Spazio

 Danzo e sono Musica in Movimento e intensamente mi Emoziono

 Danzo e sono Innamorata e mi sento Viva

 Danzo e sono Grata alla Vita

 Danzo e Riscopro la Dea che è in Me

 Danzo e Riconosco il Dio che è in Te

 Danzo e sento la Devozione che mi prostra ai piedi del Maestro e di Madre Natura che

 invisibilmente mi accompagna per ricondurmi a Casa

 Danzo e sono Sole e Luna

 Danzo e mi sento Figlia delle Stelle

 Danzo e sono Tutto e Nulla

 Danzo e sento la Pienezza e il Vuoto

 Danzo e sono il Maschile e il Femminile

 Danzo e sono l'Alfa e l'Omega

 Danzo e sono Luce e Ombra

 Danzo e Inneggio la Gioia

 Danzo e in cerchio sono con Voi nella Fratellanza e nella Sorellanza

 Danzo e sfioro l'Eterno e mi perdo nell'Infinito

 Danzo e inconsapevolmente abito in uno Spazio Atemporale assaporando il Presente nel Gesto

 Danzo e sono Amore

 Danzo e Io Sono Te e Tu sei Me

 Danzo e Io Sono

 

E nella Danza che volge al calar della notte sento costantemente il tuo calore avvolgermi,

 e prima che l’aurora risvegli l’alba di luminosi e morbidi colori il cielo io ti resto addosso,

 e allo schiudersi degli occhi annuso ancora odori  pregni e vivi rimasti nei corpi assenti.

                                                                   

 (Rosanna Fonte)







 

Danza Uomo
 
Danza Uomo e riprendi il tuo Ritmo
Danza Uomo e poggia i tuoi piedi al suolo
lasciando la tua impronta indelebile
Danza Uomo e fa che il tuo passo
sia dignitosamente Regale
Danza Uomo e sfodera l’arma più
Potente e Migliore che possiedi:
la tua Dolcezza che affonda e apre il cuore
Danza Uomo e suona la tua Musica
e non quella che gli altri si aspettano da te
Danza Uomo e vola Libero
in quello spazio che ti fa sentire Casa
Danza Uomo e Abbandonati
a quel flusso che ti ridesta Pace
Danza Uomo e Gioisci di te sempre:
tu sei un Dono della Natura
Danza Uomo e offrimi il tuo Vigore
e la tua Grazia
Danza Uomo e circondati solo di Fiori
e Frutti che ti arrecano Benessere
Danza Uomo e Baciami…
Baciami tra le parole assenti
Danza Uomo e Amati così come sei
perché io ti Amerò così come sei
Danza Uomo e sii sempre Te stesso
nel tempo Presente….
Danza Uomo....
(Rosanna Fonte)






Bruciante passione

Al centro del mio universo
danzo quest'incessante musica
che muove i miei passi verso l'eternità.
Questo è il tempo d'abbandonare
tutto ciò che è fatuo e vano.
Roteo in questa esistenza,
spargendo i petali infuocati
della mia bruciante passione.
(Carmen Panettiere)

 

 




 

 

 Anna

Condividilo adesso con i tuoi amici...

 

Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Immagini, filmati e qualsiasi altro contenuto in forma scritta o multimediale sono di esclusiva ed unica proprietà di Anna Maria Ciccia.